sabato 2 giugno 2012

Celeste, sindaco di tutti ? No, solo di una parte

Tutti i sindaci di destra, sinistra, centro, Lega, ecc. senza alcuna distinzione, dopo essere stati eletti dichiarano solennemente: "Sarò il sindaco di tutti, anche di chi non mi ha votato".
E' proprio questo che distingue le elezioni comunali da tutte le altre, tranne che, alla scadenza del  mandato, dove tutti i candidati partono alla pari, per la ricandidatura del sindaco uscente si tratta di un vero e proprio referendum sul fatto che abbia onorato il suo impegno di essere il "sindaco di tutti".
Per spiegare bene il concetto prendiamo ad esempio le recenti elezioni di Vittuone e Pregnana.
A Vittuone Enzo Tenti ha dimostrato di non aver conquistato neanche un voto di chi non lo aveva votato 5 anni prima, questo significa (quasi sempre) di non aver amministrato bene.
Viceversa, a Pregnana, Sergio Maestroni ha portato a casa il 67% dei consensi. Qualcuno potrebbe sostenere che si tratta della stessa percentuale di 5 anni fa. Ma non è cosi in quanto la Federazione della Sinistra, sua alleata nella precedente tornata elettorale, ha corso da sola portando a casa un lusinghiero 4%. Questo significa un consenso quasi bulgaro superiore al 70%.
Quindi possiamo affermare che, Maestroni ha conquistato anche la fiducia di molti elettori del centro destra. Ogni cittadino, anche non schierato a prescindere, giudica un sindaco per quello che fa e in funzione di questo si sente rappresentato, anche se alle elezioni politiche vota per un partito o per una coalizione di senso opposto.

Come Sinistra di Sedriano abbiamo fatto questa doverosa premessa per eliminare ogni dubbio sul fatto che, il nostro giudizio di metà mandato sul sindaco di Sedriano, non si fonda sul pregiudizio e quindi siamo contrari a tutto in quanto si tratta di un avversario politico. No. 
Come abbiamo sempre fatto in questi anni, il nostro giudizio si basa sul suo agire concreto e soprattutto sul fatto che abbia onorato l'impegno di essere il "sindaco di tutti". Per fare un esempio, non abbiamo a suo tempo criticato la volontà di realizzare un'area feste nel parco delle scuole, essendo un impegno del suo programma è giusto che l'abbia realizzato. Ma gli abbiamo fatto notare che i parcheggi non erano sufficienti, che interrompere la pista ciclabile non era opportuno, che la biblioteca in quel contesto non ci sembrava appropriata ecc. Ora però dobbiamo esprimere il nostro giudizio e motivarlo. Celeste non ha mantenuto fede all'impegno di essere il "sindaco di tutti". Vi riportiamo alcuni esempi a sostegno del nostro giudizio  negativo:
Ci fermiamo qui anche se, ci sarebbe ancora altro (nel nostro blog troverete il resto). Aggiungiamo solo che, senza la Lega Nord, Celeste a questo punto è il sindaco di tutti i cittadini che per fede politica voterebbero ancora il PDL e di tutti i cittadini soddisafatti del suo operato, quindi una evidente minoranza.
Riuscirà Celeste in poco più di due anni a recuperare consensi?
Una buona occasione potrebbe averla aderendo alla Associazione dei Comuni Virtuosi e conseguentemente rinunciando alla cementificazione dell'area agricola "Ex Serre", approvando un PGT che preveda nuova edificazione solo nell'area dismessa ex Borletti e con parte del ricavato acquistando la Villa Colombo.
Questo si che dimostrerebbe che non è sottomesso ai poteri forti e che rappresenta l'intera comunita sedrianese.
Questo è solo il nostro parere, ma tra due anni, nel 2014 saranno i cittadini a giudicarlo.

Sinistra di Sedriano

2 commenti:

  1. laproteaviola2 giugno 2012 22:24

    Mi sono sempre chiesta e chiedo com'è possibile che un Sindaco, cattolico praticante insegnante di religione, quali siano stati i motivi politici che lo hanno spinto nell'invitare una signora,)( stando alle cronache dal punto di vista etico morale non brillava certo di luce propria.
    Un dubbio amletico mi attanaglia la mente...che il Profs Celeste si sia ricordato ricordato di alcuni passaggi della bibbia, illuminato dalla segnalazione della sua collega Iva Zanicchi! politicamente ricordata per un paio di frasi celebri: <Gesù proteggeva le prostitute e diceva 'chi è senza peccato e scagli la prima pietra». Iva Zanicchi,su" Leggo"
    I pubblicani e le prostitute vi precederanno nel regno di Dio", ....Che memoria Complimenti....

    RispondiElimina
  2. Non so perchè ma ci trovo una vaga somiglianza col modo di fare del Tenti

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...