giovedì 6 agosto 2020

L'uomo solo al comando

Ormai, l'uomo solo al comando, che si crede in missione "per conto di Dio" (cit.), continua a portare avanti i progetti faraonici di cui, in modo conclamato, non ha conoscenze né competenze.
Progetti che Cittadini, Commercianti e i politici locali ritengono clamorosamente fuori luogo, inadeguati e -per questi motivi- non li condividono assolutamente.
Quest'individuo che di arroganza e incapacità ha fatto il suo marchio di fabbrica, continua a calpestare e ignorare le obiezioni che giungono da ogni luogo. 
Forse nel 2015 pensava di essere in grado di gestire le necessità di una comunità come la nostra, il realtà è emerso che la sua unica qualità (coltivata negli anni) è quella in costruzioni con i mattoncini Lego.

martedì 21 luglio 2020

Nuova viabilità, le follie: fermata bus in via San Massimo

La "ristrutturazione" del parcheggio posto tra Via S. Massimo e via per Bareggio comporterà, per come è stato concepito, lo spostamento della fermata dell'autobus - direzione Milano - all'altezza dell'attuale fermata - direzione Magenta -. 
Questo implicherà l'abbattimento di 5 alberi per far posto ad una banchina per gli utenti che dovranno salire e scendere; banchina che si troverebbe, più o meno, ad un metro di distanza da alcuni appartamenti con  conseguenti problemi di rumore, inquinamento e privacy. 
Peccato che in caso di contemporanea fermata di due mezzi diretti in direzioni opposte questa evenienza impedirà il regolare scorrimento del traffico. 
Non sarebbe più sensato ripensare l'ingresso/uscita del "nuovo" parcheggio, magari prevedendolo in via per Bareggio  lasciando dov'è ora l'attuale fermata? 

lunedì 20 luglio 2020

Nuova viabilità, le follie: parcheggio ufficio postale

A compensazione della quasi totale soppressione dei parcheggi di Via De Amicis per far posto ad un marciapiede, qualcuno ha pensato di "recuperarli" nell'attuale parcheggio dell'Ufficio Postale. 
Il numero dei nuovi stalli è di 5, di cui 4 riservati ai dipendenti. 
Per fare questo si asfalta la piccola aiuola davanti al "Bisagno"
Ma non è tutto! 
Si ricava uno spazio per consentire il carico/scarico anche in questo caso sacrificando il verde presente, cioè sopprimendo l'aiuola dove ci sono attualmente due alberi di alto fusto in prossimità dell'ingresso. 
Il peggio però è che per essere utilizzato dai mezzi e dai camion, visto l'esiguità dello spazio,  questi dovranno necessariamente entrare in RETROMARCIA invadendo la pista ciclabile e "bloccando" il traffico. Assurdo.
Il Sindaco chiama tutto questo: riduzione dell'incidentalità stradale. 

mercoledì 15 luglio 2020

Insondabile mistero

Sicuramente il mistero delle fioriere, poste davanti al Municipio, audacemente manomesse disdegnando stoicamente la canicola del luglio 2019, avrebbe suscitato l'interesse di Georges Simenon, senza dubbio il più noto  e prolifico "giallista"
E' un mistero, per parafrasare qualcos'altro, in chiaro. 
Cioè vi sono immagini inconfutabili, mezzi ed autori riconosciuti che certificano e rivendicano sui social l'intrepida impresa. 
Dunque qual'è l'arcano, l'irrisolto enigma delle fioriere?   
E' da ricercare in una semplice, breve parola: autorizzazione.

mercoledì 8 luglio 2020

Cose che voi umani non potreste mai immaginare...

Ne abbiamo già parlato, ma ogni volta che capita di tornare su questo argomento aumenta il disgusto. 
Pare che siano iniziati i "tradizionali giochini" da parte delle pseudo liste civiche che si potrebbero presentare alle prossime elezioni amministrative. Nel mondo calcistico si chiama campagna acquisti. 
In paese si vocifera di un paio di liste civiche "nascenti", soprattutto per la varietà dei loro componenti, come il nome e i loghi con i quali si presenteranno.
In realtà torneranno (o proveranno a farlo) vecchi personaggi che in passato hanno già abbondantemente dato: in male, ovviamente. Personaggi di certificata estrazione bucolica: specialisti in gestione dei loro orticelli. 
Infatti è difficile identificare opere pubbliche di loro creazione che a distanza di anni vengano ricordate in modo positivo. 

lunedì 6 luglio 2020

Orti urbani, un po' di chiarezza

Oh, finalmente l'autorevole parere dell'Assessore Manes sul costo effettivo degli orti.
Perdendo la sua abituale pacatezza ci ha grandemente sorpresi per il modo e per le espressioni usate nel Consiglio Comunale del 30 giugno  u.s. per definire le cifre che circolano al riguardo. "Cavolate"
"Sono stufo di sentire che sono costati 240.000/280.000 euro. I dati quelli veri sono quelli forniti dall'Ass. Alì, cioè 125.000 euro".
Un importo non proprio ridicolo per mettere a coltura 2.600 mq di terreno, fortunatamente già di proprietà comunale, altrimenti non era da escludersi l'introduzione di una tassa di scopo. A tal punto "gettonati" che proprio in questi giorni si è pubblicato il 3° bando di assegnazione, nell'arco di un anno, perché moltissimi spazi sono ancora disponibili.

domenica 5 luglio 2020

Asfaltature: quante cazzate!

A volte le parole, alcune in particolare ed in particolari contesti, diventano dirompenti.
A questo proposito chi non ricorda la canzone di Faletti: minchia sig. Tenente; non ce ne vogliano se la richiamiamo per raccontare quanto  successo nel Consiglio Comunale del 30 giugno scorso. 
Noi usiamo, ce lo consente l'Accademia della Crusca, il sostantivo cazzate  (usato nel lessico militare e di origine napoletana) in sostituzione di assurde cretinate per definire ciò che è stato detto dal Sindaco in merito alle asfaltature.

Vi consigliamo di vedere la video registrazione, dal minuto 12,40 al 15,30,  per farvi un'idea precisa di chi sia e di cosa sia capace di dire, sì perché annuncia, un po' tronfio, ma è il suo stile, che a dispetto delle accuse fatte a questa Amministrazione di non averle mai fatte... che no, noi ci siamo insediati il 16/11/2015 e nel 2016 abbiamo asfaltato...ed enumera, tra piazze e vie 9 riasfaltature, prosegue... nel 2017,  1, poi nel biennio 2018/2019  ben 14 e, dulcis in fundo, quando arriva all'anno del signore 2020, incespica su: "stiamo per asfaltare",  si corregge ed usa la voce del verbo asfalteremo (prima persona plurale) annunciando essere 12 le strade interessate.
Lasciando così intendere che il merito sia da ascrivere a questa Amministrazione. Una colossale cazzata. Forse pensa che più son grosse e più sono verosimili.  

mercoledì 1 luglio 2020

Le stranezze di Sedriano

Mettetevi comodi  perché Vi racconteremo una storia singolare, dai contorni incredibili, ai confini della realtà, eppure tutto corrispondente al vero ed è appunto questo a renderla unica.
Una sequela di anomalie che cominciano con l'elezione di un originale personaggio con una rilevante considerazione di sé e altrettanto solido convincimento di essere stato prescelto per un incarico messianico; quello di insegnare a tout le monde come si governa.
Inizia con inutili potature in Piazza della Repubblica, oltre a quelle brutali perpetrate, qua è là, dai neo costituiti NOV, poi inciampa nel falò di S. Antonio - costati 10.000 alla collettività, (abbozza senza scomporsi, la colpa non è sua), prosegue con selvagge  estirpazioni nel Parco Baleno, poi con "operazioni" personali ed arbitrarie nei parchi e dove più gli aggrada, utilizzando a suo (in) sindacabile giudizio auto comunali.

lunedì 29 giugno 2020

Numeri e cifre... volatili

Sedriano è il Comune delle anomalie. Innanzitutto è uno dei due soli Comuni lombardi a guida grillina, (per grazia ricevuta), quello dove si vendono ville e terreni, ma anche appartamenti e fors'anche farmacie per ridurre i mutui in essere, di cui PERO' non viene mai precisata l'entità ne, tantomeno, le finalità per le quali sono stati, a suo tempo, accesi. 
Pare proprio che alla guida del Comune negli ultimi tre lustri, prima della loro stellare apparizione ci siano stati degli scavezzacollo, degli scapestrati con la fissazione della finanza creativa e con maniacali ossessioni per scuole, strade, fognature, centri sportivi e altre futili amenità.

venerdì 26 giugno 2020

Siamo alla frutta...

Il Patronato ed il CAF di Sedriano non possono più proseguire nel fornire il loro servizio ai cittadini.
Naturalmente non si tratta di una scelta: hanno una convenzione dalla loro parte, ma il sig.Cipriani ha deciso di privare la comunità Sedrianese anche di questo utile servizio.
Il sistema è molto semplice: ormai da tempo, ha dato disposizioni di non pagare "l'iperbolica" somma di 300€ L'ANNO (trecentoeuro) finalizzato alla fornitura del servizio di PATRONATO e assistenza fiscale (CAF) ai Cittadini presso i locali comunali.

mercoledì 24 giugno 2020

Area Feste: la ciarlataneria a palazzo

Il singolare personaggio che ricopre la carica di Sindaco ne ha sparato una delle sue. Non è la più grossa ne più clamorosa, è solo una delle tante, tantissime. Una collana di vere perle. 
Gli riesce semplice, naturale. Una dote strabiliante la sua, un'inclinazione connaturata che lo accompagna probabilmente dalla nascita. 
Se non fosse ancora chiaro ci riferiamo alla sua incapacità di assumersi delle responsabilità, per quanto le evochi ad ogni piè sospinto e a riconoscere nel prossimo lo specchio di se stesso, cioè incalliti bugiardi. 
Un epiteto elargito praticamente a tutti e se lo dice lui che se ne intende...

lunedì 22 giugno 2020

Area Feste: un fiasco colossale

La sentenza definitiva sull'annosa vicenda giudiziaria è giunta finalmente all'esito finale con la prevista e attesa, (solo gli  sprovveduti ed illusi pentastellati presagivano il contrario) soccombenza del Comune di Sedriano. E visto la denominazione dell'area, puntualizziamo di non essere particolarmente lieti, tutt'altro. Anzi proporremmo la sua ridenominazione in Area delle avversità o imperizia o del dolore: 
A) perché la questione si poteva diversamente affrontare e dirimere cum grano salis, tenuto conto dell'aleatorietà delle vertenze legali;
B) per l'ingentissima somma che il Comune, cioè tutti noi dovremmo sborsare.

domenica 21 giugno 2020

AAA Farmacia Comunale vendesi

A seguito di alcune notizie circolate negli ultimi giorni, il sindaco Angelo Cipriani ha precisato che la farmacia (comunale ndr) non è in vendita : “è oggetto di valutazione, la decisione la prenderemo a perizia avvenuta e non ci sottrarremo dal motivare le nostre scelte”. (Settegiorni 11/06/2020)

La perizia costerà cara ai sedrianesi, ben 11mila euro, dopo di ché sua eccellenza deciderà se vendere o meno. Ci verrebbe da dire "Comandi signor padrone".
E così dopo i tre appartamenti di via Livatino, Villa Allavena (revocata per figura di m...) e il terreno in zona Scaravella, nella svendita dei “gioielli di famiglia” si aggiunge anche la Farmacia Comunale...

Che il sig.Cipriani non fosse portato a ricoprire il ruolo di sindaco era abbondantemente risaputo e lo avevamo più volte ripetuto in tempi non sospetti. Nessun capacità nell'amministrare il bene comune, nessuna conoscenza delle diverse normative, tralasciando la sua manifesta incapacità nel relazionarsi con chi non la pensa come lui. Un vero disastro. Peggio, a Sedriano non poteva capitare.
E abbiamo la sensazione che più si avvicina il termine del suo compito e peggio sarà.

venerdì 19 giugno 2020

Villa Allavena: ma che figura di merda...

Pazzesco, assurdo, incredibile, La Villa Allavena NON si vende più. Dopo una "ricognizione" sui beni pubblici alienabili avvenuta a febbraio, una perizia - molto- discutibile sul valore attribuitole a maggio e la conseguente predisposizione dell'asta pubblica per la vendita, si scopre l'esistenza di un vincolo da parte della Sovrintendenza dei beni culturali della Città Metropolitana di Milano.
Chi mai avrà chiesto l'emissione del decreto che la annovera fra i beni da tutelare?
Lo stesso Comune! Quando?
Nella determinazione che revoca la vendita viene indicato 28/06/2020 prot. 12355, probabilmente si tratta di un errore, visto che  giorno ed anno sono nel futuro prossimo, del 2019? O forse 2018 o 2017?

martedì 16 giugno 2020

Sedriano: marciapiedi e parcheggi estensibili

Incredibile, ma vero, purtroppo. Parliamo del solito marciapiedi di Via Mazzini, quello estensibile del quale ci siamo già occupati in passato
Quello, per capirci, all'angolo con Via Verdi, ampliato nel marzo 2017 con la modica spesa di 20.000 euro che in tempi di ristrettezze non è proprio trascurabile. 
Dunque questo marciapiede entrerà di diritto nella storia sedrianese per la sua peculiare progettazione. 
In prossimità di una curva si "dilata" invadendo significativamente la carreggiata, proprio davanti ad una attività commerciale, che casualmente ne beneficia. 

domenica 14 giugno 2020

Villa Allavena: mefistofelico trasformismo!

Torniamo a parlare di Villa Allavena per cercare di chiarire le cose e comprendere, se possibile, (difficile) l'atteggiamento di Cipriani & Company nei confronti di un edificio pubblico perché tra proclami e filmati per il suo recupero e la svendita frettolosa, ci pare, citando Sciascia, di essere di fronte al rovescio di un ricamo: un groviglio di fili e di nodi: e dall'altra parte si vedono non le figure, ma...la confusione, la solita, la sola

La Villa diventa di proprietà comunale a seguito del P.I.I. "Stampini - Allavena" approvato il 30/3/2009 e convenzionato il 04/04/2011. L'edificio ottocentesco, che già appariva in evidente stato di degrado, viene percepito come un corpo estraneo dalla nuova Amministrazione Celeste e lasciata al suo destino. Solo nel 2014 si commissiona una perizia statica e si provvede, qualche mese dopo, ad un primo intervento di manutenzione. Ma ad intervenire è la gestione commissariale, sostituitasi nel frattempo alla guida del Comune dopo il suo scioglimento. Passano mesi e si affidano i lavori per 20 mila euro.

mercoledì 10 giugno 2020

L'affare? Villa Allavena

Venghino signore/i non c'è affare più grande dell'acquisto di una villa ottocentesca di ca. 640 mq complessivi su due piani, attorniata da 1.880 mq di giardino nel centro urbano di Sedriano. 
Prezzo di vendita 120.000 euro. E' una cifra di favore, anzi quasi un regalo, perviene in dono dalla dissennata amministrazione pentastellata in (dis*) carica. 
Dopo progetti fantasiosi e stellari con il coinvolgimento del caro, solito e disponibile "pezzo grosso" del Movimento, il deputato Stefano Buffagni che all'occorrenza e su gentile richiesta, a scapito della propria carica istituzionale di viceministro allo sviluppo economico (questo spiega in parte lo stato della nostra economia) si precipita a Sedriano per le comparsate organizzate dai suoi affini e similari. 
Pare venga prediletto per le sue interpretazioni convincenti, da politico consumato; sul genere di quelli vecchi e deprecati, sempre presenti all'inaugurazione di autostrade da costruire e pose di prime pietre di qualcosa di grandioso che poi sarebbe rimasto inutile e dimenticato.

martedì 9 giugno 2020

Nuova viabilità - parte 2

Imperterriti ed indifferenti alle perplessità di commercianti e residenti l'Amministrazione procede con il progetto della nuova viabilità del centro cittadino e della Roveda, ostinatamente perseguita, a discapito della sicurezza e del codice della strada.

In particolare per Via De Amicis si prevede:
la soppressione pressoché totale dei parcheggi presenti, in miserrima parte recuperati sull'area PRIVATA dell'Uff. Postale, spendendo soldi nostri. 
Questo avviene grazie alla soppressione del verde presente e invertendo gli attuali ingresso/uscita aggravando in questo modo, oggettivamente e pericolosamente, l'inserimento sulla pista ciclabile, prima ancora che sulla carreggiata per chi proviene dal parcheggio, per l'assenza di visibilità, impedita dalla presenza di un edificio "sporgente" (Antica Farmacia Centrale). 
La realizzazione di un passaggio pedonale a raso da Via Gramsci in direzione di Via Matteotti, delimitata da paletti, creerà un pericoloso imbuto all'intersezione con Via Mazzini.

lunedì 8 giugno 2020

Nuova viabilità - parte 1

E dopo un numero imprecisato di mesi il sig. Cipriani torna a riproporre il "progetto nuova viabilità del Centro Storico".
È possibile avere informazioni aggiornate sul progetto ricercando sul sito comunale, su vari social, sulla stampa locale ecc...
Normali confronti con coloro che gli pagano lo stipendio non sono previsti.
Ci riferiamo - ovviamente- ai Cittadini, Commercianti, Proprietari di Locali Pubblici, ai Partiti Politici Locali ecc...
È vero, siamo in periodo di Covid-19 e i contatti, gli assembramenti, le assemblee e le riunioni pubbliche sono soggetti al rispetto di adeguate regole sanitarie.
È allora? 
Immaginavamo che il "pirotecnico" Cipriani provvedesse ad organizzare una doverosa assemblea Pubblica on-line per aggiornare le sopra indicate categorie sulle variazioni, integrazioni, cancellazioni o modifiche al progetto a suo tempo diffuso.

lunedì 1 giugno 2020

Aprire i parchi ?

Sono settimane, anzi mesi, che "quasi tutti" i cittadini rispettano le indicazioni che arrivano da Governo, Regione e Comune a causa del COVID19.
Abbiamo però notato che in alcune vie del paese, soprattutto in prossimità di piazze,  gelaterie, bar, si creano comunque degli assembramenti significativi.
A questo punto pensiamo che “forse” sarebbe meglio riaprire i parchi pubblici (stranamente ancora chiusi).
Così facendo si offrirebbe la possibilità di evitare concentramenti solo in alcune zone, orientando il flusso di persone anche in altre aree del paese.

Inoltre, non dimentichiamo che i bambini (e non soltanto loro) hanno bisogno di effettuare qualche passeggiata all'aperto debitamente seguiti dai genitori o chi per essi.
Come tutti noi, sono chiusi in casa da molte settimane e i bimbi soffrono molto di più queste limitazioni.
Ma, in ogni caso, gli assembramenti andrebbero evitati ovunque e non solo nei parchi cittadini.

mercoledì 27 maggio 2020

Mala tempora currunt

A scorrere il programma elettorale dei 5 Stelle,  pseudo amministratori pro tempore, vien da  pensare si tratti di una grande cagata
Forse è una volgarità dispregiativa, ma non esistono sinonimi che possano sostituirla.
A voler essere buoni e molto educati si può usare il vocabolo baggianata -fenomenale-.
Noi preferiamo, la prima, per la sua forza diretta ed evocativa. 
Ci perdonino il poco garbo, ma siamo avvezzi, piaccia o meno a chiamar le cose con il proprio nome. 

Dunque nel lontano 13 aprile 2018 ( in piena età del bronzo ) abbiamo proposto delle modifiche ad alcuni articoli del Consiglio Comunale per rendere il Question Time, introdotto con roboante enfasi, dall'attuale amministrazione, più incisivo ed utile.

sabato 16 maggio 2020

Aridaje

Il sig. Cipriani ha comunicato - con il solito video serale - che il giorno 26 Maggio inizieranno i lavori di risistemazione delle 3 aree cani presenti a Sedriano.
Il metodo è sempre nel solito tono; laconico, quasi annoiato, obbligato, personalistico, (quasi paternalistico). Quasi che l'argomento fossero le aree cani di casa sua.
È bene però ricordare che questo intervento "dovuto" è frutto della scelta dei cittadini che hanno preferito votare e portare avanti - nell'ambito del "Bilancio Partecipativo" l'intervento proposto dalla Consulta per la tutela dei diritti degli animali.

venerdì 15 maggio 2020

(T)orti urbani

Con riferimento al regolamento approvato con delibera del C.C. n.3 del 29/01/2019 siamo a chiedere come mai, a distanza di mesi, la nomina, su servizio preposto del Comune, del "Comitato per la gestione degli orti" non sia ancora stato convocato e quindi reso operativo.

Con l'occasione vi informiamo - ancora una volta - che gli orari fissati dal regolamento vengono sistematicamente disattesi dalla maggior parte degli ortisti. Così come già segnalato che abbiamo assistito, almeno in due circostanze, alla lavorazione delle particelle ortive con mezzi meccanici, cosa espressamente vietata dall'art. 11.1 lettera ee.

lunedì 11 maggio 2020

L'aria che tira

"L'aria che tira", ormai da parecchi giorni, è sempre più carica del profumo di elezioni amministrative. Gli addetti ai lavori lo sanno: si sente...
All'interno di questa descrizione da "mulino bianco", si notano in varie sfumature da parte di persone "interessate al fatto", singolari atteggiamenti di varia valenza sociale.
Approfondendo l'argomento troviamo:
I simil-indifferenti...
Quelli che stanno ad osservare, come se non sapessero...
Quelli che fanno finta di esserci, ma in realtà sono delle inutili ombre...
Gli usati sicuri, che pensano di esserlo...
Quelli che "a volte (purtroppo) ritornano"...
Ci sono anche gli "uscenti", assolutamente consci che i giochi sono finiti, anche se da settimane continuano a fare campagna elettorale travestita da comunicati istituzionali.

mercoledì 6 maggio 2020

Dopo il coronavirus, il gradito regalo del Sindaco

Mentre il Sindaco "intrattenitore" di Sedriano dispensava didattici consigli su come comportarsi nelle più banali circostanze (ripetuti migliaia di volte) e suggeriva cosa vedere in tv, la Giunta approvava, definitivamente, il progetto della nuova viabilità del centro storico.
Al riguardo abbiamo già espresso la nostra contrarietà, non certo per partito preso, quello che auspichiamo è che di fronte alle gravissime e imprevedibili conseguenze economiche, dovute al lockdown, la sua realizzazione venga procrastinata sine die. Diversamente le ripercussioni sulle attività economiche, ancora presenti, subiranno ulteriori danni, forse addirittura fatali per alcuni.   

domenica 3 maggio 2020

La drammatica situazione delle RSA

La drammatica situazione in strutture celebri come il Pio Albergo Trivulzio di Milano la conosciamo tutti, se ne è parlato sui "tiggi" nazionali, sono le piccole strutture di periferia, come "Il Gelso" di Vittuone, sulle quali però vorremmo accendere i riflettori.
Parte tutto dalla delibera XI/2906 di Regione Lombardia, la quale comunica che “A fronte della necessità di liberare rapidamente posti letto di Terapia Intensiva e Sub Intensiva e in regime di ricovero ordinario degli ospedali per acuti, occorre mettere a disposizione del Sistema Regionale i posti letto delle “Cure extra ospedaliere” (subacuti, postacuti, riabilitazione specialistica sanitaria (in particolare pneumologica), cure intermedie intensive e estensive, posti letto in RSA)”.
Tradotto: Abbiamo necessità di posti letto supplementari per i malati Covid-19 meno problematici, organizzatevi.

venerdì 1 maggio 2020

I Signori dell'Eccellenza

E adesso? Dopo un quarto di secolo di scelte criminali, del susseguirsi di figure quanto meno "ambigue", dispensatori di "eccellenze", ambiziosi pseudo-politici, pseudo-politici presuntuosi ecc, ecc... tutti con la stessa caratteristica: Inadatti, Incapaci ed Incompetenti.
Tutti - o quasi- provengono dalla stessa area politica (ma non solo) e perseguono l'obiettivo comune: continuare con stesso nefasto lavoro di "smantellamento".
In queste settimane (mesi) con la tragica complicità del COVID19, numerosi nodi sono purtroppo arrivati al pettine, ma su questo argomento ritorneremo certamente più avanti.
Da molti anni, si riscontra un numero di nascite molto basso e di conseguenza, preoccupante. Ne consegue un ovvio e vertiginoso aumento della popolazione anziana.

giovedì 30 aprile 2020

Libero arbitrio

Per libero arbitrio, trascurando gli aspetti filosofici, significa operare, ragionare, comportarsi in autonomia, con indipendenza di giudizio, affrancati e immuni da possibili pregiudizi e diffusi stereotipi. 
Ma questo non vuol dire rinunciare a confrontarsi,  dibattere, misurarsi con le idee altrui. 
E' una necessaria quanto scontata premessa per valutare se durante il mandato elettorale di questa Amministrazione, ormai in scadenza, sia MAI avvenuto un semplice e UTILE scambio di opinioni, di punti di vista, fra i membri del Consiglio e tra maggioranza e opposizione.
Beh la risposta è scontata. Una ostentata sicumera esibita in ogni circostanza, sui social come nei Consigli Comunali ha impedito qualsivoglia comunicazione tra questa stellata maggioranza e una minoranza svagata e abulica.

venerdì 24 aprile 2020

Plurime proroghe del contratto di ristorazione scolastica

Nei mesi di ottobre e novembre 2019 abbiamo sollevato più volte - attraverso post, volantini, presidi, ecc- la problematica relativa alle ripetute proroghe concesse dal Comune di Sedriano ad appalti scaduti da anni, anche di rilevante importo, alla società DUSSMANN SERVICES Srl (ristorazione scolastica), senza ovviamente, ottenere dall'amministrazione comunale alcuna ragionevole e convincente motivazione.
Il 25 novembre 2019, di fronte all'opacità dell'azione amministrativa che non trova alcuna giustificazione, abbiamo trasmesso all'Autorità Nazionale Anticorruzione (ANAC) gli atti amministrativi perché possa esprimere un parere circa la correttezza e la validità degli stessi.
A nostro parere i tempi sono maturi ed è possibile che si palesi un interessamento da parte di ANAC. È nostro dovere (e di chi sennò) verificare che gli interessi dei cittadini che pagano le rette per i loro figli, vengano tutelati. Di seguito riportiamo il testo della richiesta inoltrata a Novembre.

sabato 18 aprile 2020

I danè a fan daná, ma avei minga fan tribülà

Ci siamo già occupati dei canoni concessori che l'azienda 2i Rete Gas Spa dovrebbe versare nelle casse comunali da un bel po' di tempo, ma grazie alla scelta di questa Amministrazione, di rinnovare, nel 2017, sottoscrivendo ex novo il contratto, questi canoni NON verranno mai versati.
Semmai siano stati mai richiesti.
Contratto che riteniamo firmato in modo del tutto inopportuno se non illegittimamente perché in deroga a precise disposizioni legislative. Si tratta di alcune centinaia di migliaia di euro.
Evidentemente, ritenuti una minuzia, una sciocchezza, un nonnulla, vista l'attenzione riservata alla questione da parte di tutti i consiglieri.

mercoledì 15 aprile 2020

5 minuti per dispensare... parole

Le parole sbagliate influenzano la mente. Sono le parole spesso ad influenzare i nostri comportamenti, particolarmente come ci vengono dette o le ascoltiamo. Ogni parola evoca nelle nostre menti una serie di associazioni di idee e questo insieme di riferimenti può determinare le nostre reazioni.
Pensiamo alla parola veleno.
Sin da bambini ci hanno insegnato ad evitare e stare lontani da tutto ciò che è etichettato in questo modo, è una parola che immediatamente incute paura, prudenza e  innesca un meccanismo di difesa. Oppure a parole come virus o virale, che fino a pochi mesi fa erano associate essenzialmente al mondo web, all’informatica o ad internet.
Parole come influenza, invece, richiamavano alla mente qualche giorno di malessere passato in pigiama col raffreddore, il naso rosso che colava e un po’ di tosse. Forse è stato un errore etichettare “influenza da corona virus” la malattia che stava arrivando camuffandola in qualcosa di molto meno grave della realtà.

giovedì 2 aprile 2020

Dopo un lungo travaglio...

Ebbene dopo un travaglio durato alcuni mesi, troppi, sono stati affidati i lavori per la sistemazione delle aree cani di Via Isonzo e di Via Picasso. Rimane esclusa, invece, quella di Corso Europa/Via Fagnani, all'interno del parco delle Scuole. Quindi il progetto presentato dalla Consulta degli animali, risultato vincitore fra i quattro sottoposti all'Amministrazione nell'ambito del Bilancio partecipato trova finalmente concreta attuazione. Un favorevole esito di un "percorso" iniziato quasi un anno fa? Si e no, più no che si. Si perché una volta tanto alle parole, ai proclami, alle promesse, sono seguiti, non senza affanno, fatti tangibili. No, perché ancora una volta la protervia istituzionale della Giunta e del sig. Cipriani hanno avuto la meglio sulla libera espressione, democraticamente espressa attraverso una partecipata votazione delle proposte presentate. Il progetto, votato da alcune centinaia di cittadini sedrianesi, prevedeva espressamente ed in primis la sistemazione dell'area cani di Via Fagnani, esclusa, al contrario e d'imperio dalla Giunta -o meglio dal sig. Cipriani- che sul Parco delle Scuole ha un suo progetto personale.

domenica 29 marzo 2020

Approvazione del bilancio comunale

Estratto del video sulla situazione sanitaria emergenziale del 17 di marzo 2020 del sig. Cipriani (minuto 2.34 al minuto 4.04) :
"Per quanto riguarda il bilancio, l'attività di questo comune che ovviamente va avanti perché non è che si ferma per questa situazione, c'è tutta una parte ordinaria che va avanti, è vero che il bilancio, la visura del bilancio è stata posticipata di un bel po' rispetto alla previsione iniziale. Noi eravamo pronti, siamo pronti per andare in consiglio comunale già in questi giorni, purtroppo per questa situazione saremo costretti a istituire un consiglio comunale on line. Ci stiamo attrezzando per questo e speriamo e qui lo dico in maniera pubblica, ma lo dico non per provocazione ma semplicemente come preghiera, che tutte le parti dell'opposizione possano capire che le diatribe politiche in questo momento non contano niente, e che forse sarebbe il caso di lavorare tutti nella stessa direzione. Prima approviamo il bilancio, prima partono dei lavori, lavori che sono utili ai cittadini, non a me personalmente, ma sono utili a tutti: l'illuminazione pubblica, il contratto il bando gara per la refezione scolastica, il bando gara per la raccolta dei rifiuti. Sono tutti servizi importanti per i cittadini e che sicuramente posticipare l'approvazione del bilancio posticiperà anche questi tipi di servizi che con tutte purtroppo le problematiche che porterà dietro.”.

venerdì 27 marzo 2020

Non bisogna dimenticare: è importante ricordare

Da circa un mese a questa parte, siamo tutti impegnati nella convivenza forzata con questo coronavirus, aggressivo, subdolo, impalpabile e bastardo.
Si, bastardo perché si fa gioco delle nostre abitudini quotidiane, del nostro modo di vivere e delle nostre consuetudini.
Gli abbracci, le strette di mano, i baci, le carezze, sono banditi e solo in questa condizione si rivalutano i rapporti personali, quelli fisici; siamo stanchi, stanchi di vederci e parlarci attraverso uno schermo, grande o piccolo che sia.
Stanchi di sentirci attraverso un telefono, ci mancano gli odori, i profumi, la sensazione forte che la mano di un amico può dare, che prendere per mano una persona ci trasmetta amore e non paura. 
Ci manca il guardarci negli occhi e cogliere quelle sensazioni che uno sguardo, una smorfia, un mezzo sorriso, una ruga sul viso, ci rendono vivi e imperfetti e quindi umani.

Ci si preoccupa tutti dei più vulnerabili, dei già malati e di quelli che sono la nostra storia. 
I nostri anziani, nonostante tutto sono quelli che più si adattano, sfidando il tempo e la morte per accettazione. 
Loro che ricordano, avendole già vissute, privazioni, migrazioni, fame, distruzione, imposizioni, vessazioni e libertà negate, raccontano soprattutto la memoria del dolore che si contrappone alla vita che non si ferma mai, cosa che noi stiamo sperimentando e imparando solo ora.
Ma noi ci ricorderemo di quello che stiamo vivendo in questo periodo? Potremo dire: io c'ero ?

sabato 21 marzo 2020

Untori e il bisogno di odiare

Michele lavora in fabbrica. È una di quelle persone che non possono stare a casa. È stanco  psicologicamente e fisicamente. Esce dal lavoro, si ferma al semaforo rosso, ha giù il finestrino, si gode il sole e sente un urlo "stai a casa assassino! Dovete stare a casa sennò ci uccidete tutti!".
Si gira e dalla cascina che costeggia la strada, una tizia alla finestra sta gridando. Proprio rivolta a lui. La donna alla finestra l'ha visto fuori casa e la sua reazione è abbastanza violenta. Una persona che non lo conosce, che non sa nulla della sua vita, non sa perché è fuori casa, si sente in diritto di gridargli le sue frustrazioni dalla finestra. Non si sono mai viste prima ma lei, sicura tra le mura domestiche intenta a salvare il mondo, giudica lui, l'assassino fuori casa senza motivo. Non è l'unico caso. Il "restare a casa" è più di un obbligo dovuto a una misura governativa. È un discrimine morale. Fa la differenza tra la vita e la morte. E se esci diventi un assassino. In automatico.

lunedì 16 marzo 2020

L’autorità indiscutibile delle istituzioni

Con la scusa della crisi economica globale, precipitata dal 2008, abbiamo assistito a un sistematico attacco ai diritti dei lavoratori e alle libertà democratiche. 
Brevemente e solo per citarne alcuni: nel 2012 si attua la più gravosa e pesante riforma delle pensioni mai fatta in tutto il mondo (senza nessuna contestazione organizzata); nel 2015 si attua la “seconda fase” dell’abolizione dell’art. 18; nel 2016 assistiamo al tentativo di attacco alla Costituzione da parte di Renzi (fortunatamente non andato a buon fine); nel 2018/2019 i decreti Salvini che limitano le possibilità di manifestare…

venerdì 13 marzo 2020

Con SdS verso le comunali del 2021

L'anno prossimo i cittadini di Sedriano saranno chiamati alle urne e, come spesso accadde in queste occasioni, in paese incomincia a muoversi qualcosa. E' come se si dovessero aspettare le votazioni per potere far qualcosa di concreto per il paese, come se fosse solo questo il momento in cui “radunare persone” per riflettere sul così abusato “bene comune”
È come se magicamente, dal letargo di questi ultimi anni, ognuno si svegliasse con critiche, accuse, idee, progetti e voglia di mettersi in gioco.
Purtroppo è questa la realtà dei fatti. È solo in prossimità delle elezioni che incominciano a riapparire vecchi personaggi della politica locale, illustri pensatori, ipotesi di coalizioni e, quasi sicuramente più avanti, sedi territoriali di questa o quella lista politica. Tutto questo quanto dovrà durare? Giusto il tempo della campagna elettorale, per poter farsi vedere sul territorio, per poter dire “io/noi abbiamo fatto qualcosa di concreto per il nostro paese”, “ci siamo messi a disposizione”.

sabato 7 marzo 2020

Coma profondo, ma non irreversibile

Il Sig. Cipriani ha reso noto, urbi et orbi, dal suo sito istituzionale, che in data 22/02/2020 il "rudere" davanti all'ingresso dell'isola ecologica, stante l'impossibilità del suo ripristino,  è stato "finalmente" rimosso. 
Il rudere, parole sue, era la sbarra di ingresso azionata con la tessera magnetica del codice fiscale. 
Stava lì, in quelle precarie condizioni, da anni, quindi la responsabilità della sua "penosa" e incomprensibile esposizione, da illo tempore, è da attribuire interamente allo stato catatonico della sua Amministrazione. 
O vuoi vedere che anche questa differita rimozione è colpa dei suoi predecessori o di chissà chi altro? 

sabato 29 febbraio 2020

Ci sono angoli e "angoli"

"Un altro angolo di Sedriano che a breve riacquisterà dignità e decoro. Sono e saranno sempre i dettagli a fare la differenza."

Così ama auto-incensarsi periodicamente "Narciso Cipriani" sul suo profilo istituzionale riferendosi a banalissimi e doverosi interventi di routine.
Noi di SdS abbiamo segnalato e documentato più volte questa vergognosa situazione di degrado dovuta a luride ed illegali  abitudini di persone irresponsabili.
Segnaliamo quindi al sig.Cipriani che in quest'altro "angolo di Sedriano" esiste l'indegna e riprovevole situazione documentata dalle foto.
Il luogo si trova alle spalle della cascina Scaravella, lungo la stradina che costeggia l'alta velocità, in territorio sedrianese.
È vero, siamo lontani dal centro, dai giochini dei bimbi, dagli splendenti ed estensibili marciapiedi per amici, dai locali fronte parco tanto cari al salapuzio Cipriani.

martedì 25 febbraio 2020

Dio ce ne scampi e liberi

La ristrutturazione della Biblioteca comunale, avvenuta l'anno scorso, era inserita nel contesto più ampio della "opere di riqualificazione della scuola secondaria di primo grado " l. Pirandello", approvata con la delibera di Giunta n. 158 del 21/12/2017 il cui costo complessivo veniva indicato in 200.000 euro. 
Le opere preventivate, inerenti la biblioteca, erano circoscritte e riguardavano il rifacimento della pavimentazione, allargamento e posa di nuove porte, sostituzione apparecchi sanitari, impianto elettrico, coibentazione, annessi e connessi e, poco altro. 
Lavori così impegnativi e complessi che hanno determinato, assurdamente, la chiusura della biblioteca da metà gennaio ai primi giorni di settembre (2019), fino al 7 per la precisione, quando è avvenuta l'inaugurazione con l'immancabile rinfresco. Otto lunghi mesi.

domenica 23 febbraio 2020

A proposito della Scaravella...

Nel lontano giugno 2019 il Sig. Cipriani scriveva un post, senza usare i toni enfatici che gli sono propri, (rivendicando però, a mezzo stampa il merito, attribuendolo ovviamente a se stesso), circa i lavori in prossimità della cascina Scaravella riguardanti la posa di un impianto semaforico e uno "smilzo" marciapiede NON raccordato all'esistente ciclabile, tra la strada Provinciale 214 e la via Einstein. Un tratto di circa una decina di metri mal contati, non chilometri e, quindi, con una presunta spesa di poche migliaia di euro. 

Dunque a distanza di mesi, otto per la precisione, si mette mano nuovamente ai lavori per terminarli, Cioè per collegare la pista ciclabile all'improvvisato marciapiede progettato mesi prima. Perché mai si è aspettato tanto? Semplice, si sono trovate "le risorse", una manciata di euro per finire quel che si è iniziato tempo prima e perché "la sicurezza non è un bene negoziabile".
Né tanto meno differibile, aggiungiamo noi. Peccato che nella scala delle priorità di questa Amministrazione la sicurezza sia SEMPRE subordinata al reperimento di fondi Regionali o Statali per realizzare quel che a parole pare essere un'urgenza improcrastinabile.
Quindi si concretizzano i lavori della messa in sicurezza dell'incrocio della cascina Scaravella, così come avverrà (forse) per quelli della nuova viabilità del centro storico, pensati, ahimè, a sua immagine e somiglianza, perché sovvenzionati da terzi. In assenza di questi "benedetti" denari non si sarebbe fatto NULLA.

lunedì 17 febbraio 2020

Com'è verde la città

Sottolineare quanto sia importante il "verde" nel contesto urbano, è superfluo;  il crescente interesse ed attenzione  sull'argomento è dimostrato dal moltiplicarsi di iniziative volte a potenziare e valorizzare gli spazi verdi. I progetti di forestazione urbana non sono più considerati come futuribili e arditi programmi di alcuni visionari architetti o strampalate ipotesi di soggetti concettualmente ancorati ad una "bucolica" società. 
Però ci sono eccezioni; i bastian contrari, quelli che negano l'evidenza, quelli del chi se ne frega.
Non è il caso di Sedriano. Infatti coerentemente, almeno in questo, con il loro programma elettorale non è stato previsto ALCUN intervento sul verde cittadino.
Nessun ripristino di viali alberati, decimati negli anni da pessime, inutili, costose e non professionali potature, nessuna sostituzione di alberi deceduti nei parchi.

mercoledì 12 febbraio 2020

Maghi, fattucchieri e illusionisti

A pag, 6 del programma del Movimento 5 Stelle si legge: "l'Amministrazione effettuerà incontri annuali con la cittadinanza...per raccontare l'esperienza amministrativa che (ne) caratterizzano il decorso" post traumatico? E ancora: "il cittadino non si recherà in Comune, ma sarà l Comune ad andare dal cittadino..." chissà perché allora il Sig. Cipriani continua ad invitarli ossessivamente a varcare la soglia del suo ufficio (temporaneo).
Sbalorditevi quando leggerete: "tanti in passato hanno promesso iniziative come questa ma durante il loro mandato non hanno poi rispettato gli impegni" proseguendo, reggetevi forte; "paura di essere messi di fronte alla realtà"
Avete letto e ben compreso i precetti, i principi etici della morale pentastellata? 

domenica 9 febbraio 2020

1946: Strage di Vergarolla

C’è una gran lapide sul Colle di S. Giusto a Trieste. È grande perché contiene i nomi di 64 morti nella strage di Vergarolla, a Pola, in Istria, avvenuta il 18 agosto 1946. 
Un terzo di quei nomi sono bambini. 
Sessantaquattro è il numero delle vittime accertate; qualcuno è stato letteralmente polverizzato. Erano tutti italiani. 
Ma cosa successe? 
Perché, oggi, si sa poco di quel tremendo attentato? 
Chi lo progettò? 
Fu solo una fatale disgrazia?

mercoledì 5 febbraio 2020

Sedrianese Spumanti

Gli orti urbani sono terminati, a detta del Sig. Cipriani nel giugno dello scorso anno, ma per motivi bizzarri si è rimandato l'inaugurazione, ufficiale ed in pompa magna, ad ottobre, scomodando un parlamentare, per la precisione un viceministro, nientemeno,  ovviamente stellato.
L'opera di notevole complessità ingegneristica ha lungamente impegnato qualificate risorse tecniche comunali e comportato l'impiego di ingenti capitali, reperiti a scapito di altre precipue finalità istituzionali.
Per motivi climatici gli orti, (abbiamo chiesto quanti siano stati "collocati" e a chi; al riguardo attendiamo speranzosi ci venga risposto prima della fine del millennio) e i loro assegnatari, sono andati in letargo. Ora, i primi tepori hanno risvegliato le energie sopite e dunque alcuni volenterosi ortisti hanno varcato la soglia dell'area per  dissodare il terreno. 

venerdì 31 gennaio 2020

Oggi le comiche o i comici?

Riprendiamo, nella titolazione e, non casualmente, un programma televisivo trasmesso a cavallo degli anni 60/70 perché capita giustappunto a "fagiolo" per definire quello a cui stiamo assistendo in riferimento alla sentenza sfavorevole dell'Area Feste. 
Per chi non l'ha mai visto, per ragioni anagrafiche, era un programma che proiettava film umoristici del periodo muto.
Quali sono le analogie? Presto detto. 
La sentenza è stata depositata il 21 gennaio, quindi ragionevolmente già pervenuta al Comune e dunque "disponibile".
Di questo "corpo del reato" pare non esserci traccia o per lo meno è irreperibile per chi naviga, a vista, sull'Albo Pretorio; preferibile, comunque ed in ogni caso e a qualsiasi costo, non renderla di pubblico dominio.

sabato 25 gennaio 2020

Chieda scusa e tolga il disturbo

Apprendiamo dalla stampa locale della sentenza di appello riguardante l'"Area Feste" e, sconcertati, veniamo a conoscenza che la somma da riconoscere alle controparti ammonta a 550.000 euro. Cinquecentocinquantamila, nientepopodimeno! 
Una cifra ingentissima, letteralmente dilapidata per la testardaggine di qualcuno che contro ogni evidenza e presupposto giuridico ha voluto adire le vie legali prima e resistere poi in giudizio, ignorando una proposta di conciliazione per un importo di circa la metà. 
Un azzardo, meglio, una follia a ben considerare le possibili conseguenze pecuniarie al termine definitivo della vertenza, nel malaugurato caso di soccombenza, com'è puntualmente avvenuto. Senza aggiungere  14.000€ per spese extraprocessuali e senza contare alcune altre decine di migliaia di euro riconosciute al legale incaricato dal Comune per rappresentarlo in giudizio. 

martedì 21 gennaio 2020

Un passo avanti e due indietro

Nel Consiglio Comunale del 17 dicembre è stata approvata una modifica agli articoli del regolamento del consiglio stesso. Il nostro pensiero - subito - nel leggere la deliberazione n. 59 del 17/12/2019, è andato al capitolo che riguarda il question-time, unico strumento a disposizione dei cittadini per chiedere al sindaco o agli amministratori di rispondere alle domande che: (cit) "possono riguardare problematiche inerenti l’attività politico-amministrativa dell'Ente, nonché argomenti di elevato interesse sociale ed economico".

giovedì 16 gennaio 2020

Tutti a bordo...

Continuano ad arrivare buone notizie per noi.
Apprendiamo dalla stampa locale - ma non solo- alcune rivelazioni esternate dal "divo Marco" sui possibili scenari politici futuri di Sedriano.
Già la possibile ipotesi di una sua ricandidatura (sindaco del secolo scorso) è "agghiacciante" come direbbe l'allenatore dell'Inter; riflettendo inoltre su alcune supposizioni e congetture riportate dai giornali, addirittura anacronistica.
Si accenna ad un auspicabile rientro di alcuni sopravvissuti dell'era mesozoica per dare forma ad una specie di lista civica nella quale rientrerebbero, appunto, personaggi quasi scomparsi, praticamente estinti o "pentiti", oltre che "esponenti della società civile", gestori di pagine social onnipresenti con specializzazione nel presenzialismo e promozione di attività commerciali locali ecc...

domenica 12 gennaio 2020

La parabola del divano

Confessiamo di esserci preoccupati dell'assenza di filmati istituzionali per i consueti auguri di Natale e Buon Anno da parte dell'Amministrazione. Un'inquietudine dissipatasi però nel primo pomeriggio della giornata del 31/12. Non poteva mancare, appunto.

Ed ecco quindi un signore seduto ad una scrivania, completamente sgombra, con un look personale inconfondibile che inizia a blaterale di aver fatto "molto e nel miglior modo possibile".
Quel che gli riesce è invece un'altra cosa - visto il clima  festoso e buonista per una volta soprassederemo-, di scuole (il cui progetto non è stato ne condiviso ne illustrato ad alcuno), di strade, di segnaletica orizzontale, di illuminazione pubblica avveniristica e capillare.

giovedì 9 gennaio 2020

La pantomima dei Consigli Comunali

C'è un tema che agita da alcuni mesi la sonnolenta scena della politica locale: le proroghe. Proroghe la cui ragione risulta incomprensibile non solo a noi, ma a molti se non a tutti; tranne ovviamente ai pentastellati. Ebbene il ciarliero Sig. Cipriani che ama in modo smodato i like, i selfie e le apparizioni dove la sua statuaria, ops refuso, modesta figura "politica" possa "emergere" ed essere divulgata (a parer suo) quale dozzinale propaganda, invece tace. Nonostante non manchi di fantasia e la riversi interamente nel raccontare distortamente ogni cosa; per cui lui solo è il depositario della verità, ad imitazione del mascherone della bocca della verità trasferitasi con lui da Roma, non ha invece alcuna frottola da raccontare in merito. Sull'argomento si è totalmente ammutolito! La cosa non ci preoccupa, anzi, la sua loquace natura avrà presto ragione di questo silente momento. 

domenica 5 gennaio 2020

Pensieri di Libertà e buoni propositi... per il 2020

A tutti voi che ci seguite ed in particolare ai giovani, auguriamo di cercare di avere sempre delle idee proprie, libere, senza alcun condizionamento o indottrinamento esterno e di lottare sempre per esse.

Nel mondo in cui viviamo, condizionato in gran parte dal web, ci viene fatto credere che tutto sia concesso e che siamo liberi di consumare quello che vogliamo; in realtà, la verità è ben diversa.
E così, spesso, confondiamo la libertà di consumo con la libertà di scelta. In questo periodo in cui si tirano le somme di un anno che ci ha lasciato, viviamo la nostra quotidianità con lo sfondo natalizio di bontà apparente e consumismo.
Concetti, che pur essendo molto presenti nelle nostre vite, vengono spesso dimenticati e disattesi o - peggio- dati per scontati.
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...