giovedì 6 agosto 2020

L'uomo solo al comando

Ormai, l'uomo solo al comando, che si crede in missione "per conto di Dio" (cit.), continua a portare avanti i progetti faraonici di cui, in modo conclamato, non ha conoscenze né competenze.
Progetti che Cittadini, Commercianti e i politici locali ritengono clamorosamente fuori luogo, inadeguati e -per questi motivi- non li condividono assolutamente.
Quest'individuo che di arroganza e incapacità ha fatto il suo marchio di fabbrica, continua a calpestare e ignorare le obiezioni che giungono da ogni luogo. 
Forse nel 2015 pensava di essere in grado di gestire le necessità di una comunità come la nostra, il realtà è emerso che la sua unica qualità (coltivata negli anni) è quella in costruzioni con i mattoncini Lego.

martedì 21 luglio 2020

Nuova viabilità, le follie: fermata bus in via San Massimo

La "ristrutturazione" del parcheggio posto tra Via S. Massimo e via per Bareggio comporterà, per come è stato concepito, lo spostamento della fermata dell'autobus - direzione Milano - all'altezza dell'attuale fermata - direzione Magenta -. 
Questo implicherà l'abbattimento di 5 alberi per far posto ad una banchina per gli utenti che dovranno salire e scendere; banchina che si troverebbe, più o meno, ad un metro di distanza da alcuni appartamenti con  conseguenti problemi di rumore, inquinamento e privacy. 
Peccato che in caso di contemporanea fermata di due mezzi diretti in direzioni opposte questa evenienza impedirà il regolare scorrimento del traffico. 
Non sarebbe più sensato ripensare l'ingresso/uscita del "nuovo" parcheggio, magari prevedendolo in via per Bareggio  lasciando dov'è ora l'attuale fermata? 

lunedì 20 luglio 2020

Nuova viabilità, le follie: parcheggio ufficio postale

A compensazione della quasi totale soppressione dei parcheggi di Via De Amicis per far posto ad un marciapiede, qualcuno ha pensato di "recuperarli" nell'attuale parcheggio dell'Ufficio Postale. 
Il numero dei nuovi stalli è di 5, di cui 4 riservati ai dipendenti. 
Per fare questo si asfalta la piccola aiuola davanti al "Bisagno"
Ma non è tutto! 
Si ricava uno spazio per consentire il carico/scarico anche in questo caso sacrificando il verde presente, cioè sopprimendo l'aiuola dove ci sono attualmente due alberi di alto fusto in prossimità dell'ingresso. 
Il peggio però è che per essere utilizzato dai mezzi e dai camion, visto l'esiguità dello spazio,  questi dovranno necessariamente entrare in RETROMARCIA invadendo la pista ciclabile e "bloccando" il traffico. Assurdo.
Il Sindaco chiama tutto questo: riduzione dell'incidentalità stradale. 

mercoledì 15 luglio 2020

Insondabile mistero

Sicuramente il mistero delle fioriere, poste davanti al Municipio, audacemente manomesse disdegnando stoicamente la canicola del luglio 2019, avrebbe suscitato l'interesse di Georges Simenon, senza dubbio il più noto  e prolifico "giallista"
E' un mistero, per parafrasare qualcos'altro, in chiaro. 
Cioè vi sono immagini inconfutabili, mezzi ed autori riconosciuti che certificano e rivendicano sui social l'intrepida impresa. 
Dunque qual'è l'arcano, l'irrisolto enigma delle fioriere?   
E' da ricercare in una semplice, breve parola: autorizzazione.

mercoledì 8 luglio 2020

Cose che voi umani non potreste mai immaginare...

Ne abbiamo già parlato, ma ogni volta che capita di tornare su questo argomento aumenta il disgusto. 
Pare che siano iniziati i "tradizionali giochini" da parte delle pseudo liste civiche che si potrebbero presentare alle prossime elezioni amministrative. Nel mondo calcistico si chiama campagna acquisti. 
In paese si vocifera di un paio di liste civiche "nascenti", soprattutto per la varietà dei loro componenti, come il nome e i loghi con i quali si presenteranno.
In realtà torneranno (o proveranno a farlo) vecchi personaggi che in passato hanno già abbondantemente dato: in male, ovviamente. Personaggi di certificata estrazione bucolica: specialisti in gestione dei loro orticelli. 
Infatti è difficile identificare opere pubbliche di loro creazione che a distanza di anni vengano ricordate in modo positivo. 

lunedì 6 luglio 2020

Orti urbani, un po' di chiarezza

Oh, finalmente l'autorevole parere dell'Assessore Manes sul costo effettivo degli orti.
Perdendo la sua abituale pacatezza ci ha grandemente sorpresi per il modo e per le espressioni usate nel Consiglio Comunale del 30 giugno  u.s. per definire le cifre che circolano al riguardo. "Cavolate"
"Sono stufo di sentire che sono costati 240.000/280.000 euro. I dati quelli veri sono quelli forniti dall'Ass. Alì, cioè 125.000 euro".
Un importo non proprio ridicolo per mettere a coltura 2.600 mq di terreno, fortunatamente già di proprietà comunale, altrimenti non era da escludersi l'introduzione di una tassa di scopo. A tal punto "gettonati" che proprio in questi giorni si è pubblicato il 3° bando di assegnazione, nell'arco di un anno, perché moltissimi spazi sono ancora disponibili.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...