giovedì 16 settembre 2021

L'eden sedrianese...

Leggiamo, non senza qualche apprensione, il programma "verde" di un candidato alla carica di Sindaco, più precisamente della persona che, forbici alla mano, si aggirava per i parchi tagliuzzando a casaccio alberi ed arbusti. La stessa che estirpava, senza autorizzazione, le conifere dalle fioriere poste in Piazza del Seminatore per sostituirle con dei fiori. Il risultato dopo l'immancabile post auto-celebrativo? Fiori disseccati e fioriere abbandonate alla più totale incuria. Adesso vuol porre mano al Parcobaleno, quello stesso parco che voleva annettere alla scuola, far rimuovere il monumento alla Pace (infiocchettato da anni da una vistosa rete di cantiere), costruirci un'anfiteatro (ora immaginato altrove) sacrificando degli alberi, ridurlo, per far posto a parcheggi riservati al personale scolastico e rimosso due juniperus perché considerati ricettacoli di immondizie. Quest'ultima trovata un'idiozia all'ennesima potenza! Poche idee e sparse qua e là confusamente. Tranne quella riguardante il monumento, impacchettato come volgare imitazione di Christos e lasciato in questo stato per anni. La logica? Nessuna. Bello comunque da ammirare come insolito arredo urbano. Un'assurdità.

venerdì 10 settembre 2021

Il parco Dalla Chiesa?

Ogni volta che capita di attraversare il parco "Dalla Chiesa" (ex via Fagnani), (ex delle Scuole) è impossibile dimenticare le vergogne che ha dovuto subire negli ultimi anni, per la precisione 6.

A partire dallo spregio della tuttora esistente transenna che lo divide dalla giovane ma obsoleta "area feste", alla vergogna delle ripetute "mutilazioni" subite dai suoi alberi dalla famigerata coppia di tagliatori clandestini Cip & Max, all'assoluta mancanza di rispetto verso i frequentatori per mancanza di manutenzione (illuminazione, cura del verde, gazebo diroccati, servizi igienici da terzo mondo ecc...).

Ma tant'è. Questo è quello che ha potuto, che può e potrebbe riproporre il sindaco arrivato - fortunatamente - all'ultimo miglio.

giovedì 2 settembre 2021

Via Pessina/Bardelli: palettizzazione in corso

I lavori in Via Pessina/Bardelli proseguono non poi così alacremente, d'altra parte per essere ultimati erano previsti 6 mesi. Quindi in ritardo si, ma non fuori tempo massimo per venir acclamati (esercitiamo i nostri poteri divinatori) in coincidenza, casualmente, con la fine della legislatura. 
Mentre la prosecuzione della pista ciclabile, ovviamente palettizzata, di Via Mazzini vedrà la luce solo fra qualche tempo. Quanto realizzato finora consente però di farsi un'idea della via più bella di Sedriano (citiamo Cipriani). Vien da dire de gustibus, horribilis. 
Il risultato finale, almeno per noi, è esteticamente molto pacchiano grazie all'utilizzo di materiale completamente estraneo al tessuto urbano esistente, finta pietra di luserna, con un marciapiede difforme sia da quello di Via De Amicis che di Via Mazzini ai quali pur si è messo mano e con un un numero spropositato di rutilanti paletti in acciaio inox che disegnano una linea retta ondeggiante dovuto alla già presente pendenza casuale dei paletti sia sinistra  che a destra; di una grazia leziosa. 
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...